Bonus Inps, ecco la novità: dal 2021, cento euro anche ai Naspi

Economia

Bonus Inps, nell’agosto 2020 scoppiò lo scandalo del contributo chiesto e ottenuto dai politici. Tra di loro parlamentari, consiglieri regionali e comunali, sindaci e assessori. Oggi l’Ente chiede indietro tutti i soldi. Anche a quelli che li avevano regalati.

Bonus inps da 1200 euro.

L’ex bonus Renzi (diventato nel frattempo di 100 euro) bonus Inps ora andrà anche a chi percepisce la Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi). L’assegno mensile di disoccupazione, e il tetto di reddito si alza a 40.000 euro. Si allarga dunque la platea dei beneficiari. Questo come previsto dalla nuova Legge di Bilancio 2021, anche se i 100 euro mensili (per un massimo di 1.200 euro annui) possono scendere a seconda degli scaglioni nei quali il richiedente si inserisce. Vediamo allora nel dettaglio chi ne ha diritto.

bonus inps

Chi ha diritto al bonus Inps

Come detto, ha diritto al bonus Inps di 100 euro mensili chi è titolare di un rapporto di lavoro subordinato e chi ha perduto il lavoro non per sua volontà, dunque non chi si è volutamente licenziato. Rientrano anche i lavoratori delle cooperative, i dipendenti pubblici a tempo determinato e chi opera in regime forfettario. Sono esclusi dal contributo, coloro che percepiscono i redditi da pensione (di cui all’articolo 49, comma 2, lett. a), del TUIR), i titolari di redditi professionali e di redditi prodotti da titolari di partita IVA in forma autonoma o di impresa.

A quanto ammonta il bonus Inps

Il bonus Inps può avere un importo massimo di 100 euro mensili, cifra che diminuisce in base al reddito del richiedente e viene riconosciuto a coloro che si trovano in una fascia di reddito superiore agli 8.174 euro fino ai 28.000 euro. Chi ha un reddito compreso tra i 28.000 e i 35.000 euro, invece, l’importo del bonus – riconosciuto sotto forma di detrazione fiscale, una sorta di bonus Irpef – è pari a 80 euro. Infine, tra i 35.000e i 40.000 il bonus scende fino ad azzerarsi. Il calcolo del reddito presunto avviene moltiplicando l’imponibile fiscale mensile per il numero delle mensilità che si prevede di percepire. Il risultato determina il reddito annuo complessivo dal quale si verificherà se si ha diritto o meno al bonus.

Il diritto al bonus deriva da un calcolo presunto, pertanto è soggetto al conguaglio di fine anno: se chi lo ha ricevuto non ne aveva diritto, dovrà restituire automaticamente il bonus.

Come fare la domanda per il bonus

E’ direttamente l’Inps a erogare il contributo, quindi non è necessario presentare la domanda per ottenere il bonus.

Tutti i bonus previsti dalla Legge di Bilancio 2021

k abbiamo selezionato per te anche: “ i migliori prestiti Online

Potrebbe interessarti anche ” guadagnare guardando video ” leggi anche ” come guadagnare Online scrivendo articoli

Un commento su “Bonus Inps, ecco la novità: dal 2021, cento euro anche ai Naspi”

Lascia un commento