Spazzolino da denti in bambù

Salvaguardia dell’ambiente. Oggi, più di 5 trilioni di pezzi di plastica galleggiano nei nostri oceani. Una massa combinata di oltre 250.000 tonnellate. E in crescita …

Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di plastica fuoriescono nell’oceano. Il che equivale a scaricare il contenuto di un camion della spazzatura nell’oceano ogni minuto. Si prevede che aumenterà a due al minuto entro il 2030. A quattro al minuto entro il 2050, momento in cui ci sarà più plastica che pesce nei nostri oceani.

Il problema è così grande che è difficile sapere cosa fare al riguardo. La salvaguardia dell’ambiente riguarda tutti da vicino.

Ma uno dei modi più semplici per contribuire a una correzione è cambiare qualcosa può essere: il tuo spazzolino da denti.

È qualcosa che spesso trascuriamo, ma è un grande contributo alla plastica oceanica.

“Il rapporto tra plastica e sabbia a Kamilo Beach (alle Hawaii) è scioccante, anche per me”, afferma l’artista Sophie Thomas. “Nella mia mezz’ora di cammino lungo la costa ho raccolto 18 spazzolini da denti da solo.”

Oltre il 99% degli spazzolini da denti nel mondo sono in plastica.

Ma oggigiorno non è necessario utilizzare uno spazzolino da denti di plastica, poiché ora sono realizzati in modo così semplice ed economico con il bambù.

Bamboo Revolution

Bamboo Revolution, un servizio di consegna di spazzolini da denti in bambù, sta lavorando per rendere più comuni gli spazzolini da denti in bambù.

“Per quanto riguarda i materiali sostenibili, non si può fare molto meglio del bambù”, afferma Riccardo Formelli, fondatore di Bamboo Revolution. “Il bambù cresce fino a due piedi al giorno ed essendo un’erba è completamente biodegradabile e compostabile.”

L’azienda di Riccardo crea spazzolini con manico in bambù che vengono consegnati agli abbonati ogni mese o due mesi. Abbonamenti annuali a partire da soli $ 25 inclusa la consegna. Tutto questo per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente.

“Siamo determinati a rendere conveniente e conveniente per le persone abbandonare gli spazzolini da denti in plastica”, afferma Riccardo. “Vogliamo che sia un gioco da ragazzi, quindi abbiamo messo insieme Bamboo Revolution in un modo che sia un sacrificio minimo”.

Oggi, più di 5 trilioni di pezzi di plastica, con una massa complessiva di oltre 250.000 tonnellate, galleggiano nei nostri oceani. Spazzolino da denti in bambù, quale scegliere e dove buttarlo.

Nonostante la produzione di plastica sia aumentata di venti volte nell’ultimo mezzo secolo, solo il 5% della plastica viene riciclato in modo efficace. Il 40% finisce in discarica e un terzo in ecosistemi fragili come gli oceani del mondo.

Perché è importante salvaguardare l’ambiente?

L’inquinamento da plastica è il problema più diffuso che colpisce l’ambiente marino. Minaccia anche la salute degli oceani. Quindi, la sicurezza e la qualità alimentare, la salute umana, il turismo costiero e contribuisce al cambiamento climatico. 

Impatti sull’ambiente marino

Gli impatti più visibili e inquietanti della plastica marina sono l’ingestione, il soffocamento e l’intreccio di centinaia di specie marine. La fauna marina come uccelli marini, balene, pesci e tartarughe, scambiano i rifiuti di plastica per prede. La maggior parte muore di fame poiché il loro stomaco è pieno di detriti di plastica. Soffrono anche di lacerazioni, infezioni, ridotta capacità di nuotare e lesioni interne. Le plastiche galleggianti contribuiscono anche alla diffusione di organismi marini invasivi e batteri, che interrompono gli ecosistemi. La salvaguardia dell’ambiente è il nostro futuro.

Impatti su cibo e salute

La plastica invisibile è stata identificata nell’acqua del rubinetto, nella birra, nel sale. E’ presente in tutti i campioni raccolti negli oceani del mondo, compreso l’Artico. Diverse sostanze chimiche utilizzate nella produzione di materiali plastici sono note per essere cancerogene. Interferire con il sistema endocrino del corpo, causando disturbi dello sviluppo, riproduttivi, neurologici e immunitari sia nell’uomo che nella fauna selvatica. Benessere fisico come raggiungerlo e migliorarlo?

I contaminanti tossici si accumulano anche sulla superficie dei materiali plastici. Questo a seguito di un’esposizione prolungata all’acqua di mare. Quando gli organismi marini ingeriscono detriti di plastica, questi contaminanti entrano nei loro sistemi digestivi. Gli straordinari si accumulano nella rete alimentare. Occorre considerare Il trasferimento di contaminanti tra specie marine e esseri umani con il consumo di frutti di mare. E’ stato identificato come un pericolo per la salute. Tutto questo non è stato ancora adeguatamente studiato.

Impatti sui cambiamenti climatici, l’importanza della salvaguardia dell’ambiente

La plastica, che è un prodotto petrolifero, contribuisce anche al riscaldamento globale. Se i rifiuti di plastica vengono inceneriti, rilasciano anidride carbonica nell’atmosfera, aumentando così le emissioni di carbonio. La salvaguardia dell’ambiente riguarda i nostri figli.

Impatti sul turismo

I rifiuti di plastica danneggiano il valore estetico delle destinazioni turistiche, determinando una diminuzione dei redditi legati al turismo e maggiori costi economici legati alla pulizia e alla manutenzione dei siti

Cosa si può fare per la salvaguardia dell’ambiente?

La preoccupazione globale e la consapevolezza del pubblico riguardo all’impatto della plastica sull’ambiente marino sono attualmente in aumento. Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente considera i detriti marini di plastica nocivi come una delle principali questioni emergenti che interessano l’ambiente. Al vertice del G7 del 2015 in Baviera, in Germania, i rischi delle microplastiche sono stati riconosciuti nella dichiarazione dei leader.

Sono stati compiuti sforzi legali a livello internazionale e nazionale per affrontare l’inquinamento marino. I più importanti sono la Convenzione del 1972 sulla prevenzione dell’inquinamento marino. Questo dovuto allo scarico di rifiuti e altre materie. Il Protocollo del 1996 alla Convenzione di Londra e il Protocollo del 1978 alla Convenzione internazionale per la prevenzione di inquinamento da navi (MARPOL). Tuttavia, la conformità a queste leggi è ancora scarsa, in parte a causa delle limitate risorse finanziarie per applicarle. Gli strumenti internazionali legalmente vincolanti dovrebbero essere ulteriormente esplorati per affrontare l’inquinamento da plastica. La salvaguardia dell’ambiente sarà fondamentale per le generazioni.

Il riciclaggio e il riutilizzo delle materie plastiche sono le azioni più efficaci disponibili per ridurre gli impatti ambientali. Le discariche aperte e delle fiamme all’aperto che spesso vengono praticate per la gestione dei rifiuti domestici. È possibile collocare una quantità sufficiente di rifiuti e contenitori per il riciclaggio nelle città e sulle spiagge delle zone costiere. Questo per accelerare la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento da plastica.

Cosa dovrebbero fare governi per la salvaguardia dell’ambiente?

I governi, gli istituti di ricerca e le industrie devono lavorare in modo collaborativo per ridisegnare i prodotti e ripensare al loro utilizzo e smaltimento. Tutto questo al fine di ridurre i rifiuti di microplastica da pellet, tessuti sintetici e pneumatici. Ciò richiederà soluzioni che vadano oltre la gestione dei rifiuti, per considerare l’intero ciclo di vita dei prodotti in plastica. Tutto questo dalla progettazione del prodotto all’infrastruttura e all’uso domestico.

Per affrontare efficacemente la questione della plastica marina, è necessario sostenere la ricerca e l’innovazione. La conoscenza della portata completa dell’inquinamento da plastica fornirebbe ai responsabili politici, ai produttori e ai consumatori le prove scientifiche necessarie per promuovere soluzioni tecnologiche, comportamentali e politiche appropriate. Accelererebbe anche la concettualizzazione di nuove tecnologie, materiali o prodotti per sostituire la plastica

Potrebbe interessarti anche l’articolo che abbiamo scritto su l’importanza di un sorriso con denti bianchi. 

Di Riccardo Formelli

Analogic Marketing nasce alla fine del 2018, nel mese di dicembre, dalla mente e dalle mani del suo ideatore e fondatore Riccardo Formelli. La mission di Riccardo è quella di scrivere su argomenti che lo appassionano quale ambiente, benessere, viaggi e lavorare online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *